da PGB, cose serie... e meno serie.
PGB's - serious stuff... & lesser one.

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Blog (weB LOG) Elettronica
Elettronica

Secondo giro in forno per il povero Melone

E-mail Stampa PDF

Oggi è successo di nuovo. Il buon Melone (Macbook) si è ri-piantato. Altro giro, altra corsa e... dopo una biscottata è ripartito.

Per la statistica, è durato dal 31 ottobre 2011 al 19 febbraio 2012.

 

 

Mac Baked Pro (o "come cuocere il tuo macbook pro")

E-mail Stampa PDF

macbook in fornoPer la rubrica "riuorching fatto in casa" (o reworking, la rilavorazione in generale e in questo caso applicata alle schede elettroniche), in collaborazione con "Cotto e saldato", oggi presentiamo una ricetta per tentare di ripristinare la funzionalità di una scheda elettronica (complessa) che non funziona più, quando la causa potrebbe essere la saldatura difettosa di un componente complesso (con tanti piedini piiiiiiiccoli piiiiiiccoli o addirittura senza piedini, col BGA).

Come titolo ci stava bene anche Mac Book Pro is Back(ed).

Difficoltà: medio/bassa

Tempo di preparazione: un pomeriggio

Occorrente:

  1. un macbook pro che da un momento all'altro non si accende più, preferibilmente fuori garanzia e non coperto da èppolchèar (o applecare, che dir si voglia)
  2. un forno elettrico e relativa teglia (il vassoio che va dentro)
  3. un rotolo di carta stagnola
  4. alcool etilico, cotton fioc, stuzzicadenti e carta assorbente (scottex, rotoloni regina, ...)
  5. pasta conduttiva quanto basta
  6. cacciaviteria varia (almeno un cacciavite a stella piccolo e uno a stella esagonale o torque, che però gli americani chiamano Fillips o Phillips)
Leggi tutto...
 

Schermi rotti & co.

E-mail Stampa PDF

portatile con schermo rottoA chi non è mai capitato che si sia rotto (o che qualcuno abbia rotto) il display a cristalli liquidi di qualche accrocco elettronico e che per aggiustarlo il servizio di assistenza abbia richiesto una cifra per la quale conviene piuttosto ricomprare l'accrocco in oggetto piuttosto che ripararlo?

Va bene, l'ho fatta troppo complicata. Vi si è rotto il isplay del computer portatile? Per aggiustarlo vi hanno chiesto uno sproposito (tipo 400 euro) tale che vi conviene prenderlo nuovo piuttosto che farlo aggiustare?

A me sì. In diversi casi.

Leggi tutto...
 

Firewire, hotplugging e M-Audio 410

E-mail Stampa PDF

interfaccia audio M-Audio firewire 410Dato che il sito sembra ridotto a un diario della dieta, mi sembra sia il caso di scrivere qualcosa di diverso.

Parto da lontano: stavo cercando un'interfaccia audio (o scheda audio esterna) preamplificata a bassa latenza per registrare in casa gli strumenti musicali e divertirmi un po' con Garageband (ghèreig bènd) e Cubase (chiùbéis pe' ttutti :)) ed Ableton Live.

Documentandomi ho notato che le schede moderne e soprattutto abbordabili in campo prezzo, sono quasi tutte dotate di connessione USB, dato che a livello teorico la velocità di trasferimento dell'USB 2.0 (480 Mbit/s) è maggiore di quella della IEEE 1394 (o firewire, o iLink che comunque è 400 Mbit/s). Da un po' è uscita la firewire 2, che pompa a 800 Mbit/s. Ma non divaghiamo...

 

Leggi tutto...
 

La fine di un'epopea LCD

E-mail Stampa PDF

Dopo una lunga ricerca, ho torvato quello che cercavo!

Quando portai il televisore al'assistenza SAMSUNG, mi irsposero che il ricambio di cui avevo bisogno non era più disponibile. Dopo aver scartabellato in rete per molto tempo mi sono accorto che oltre che non essere disponibile come ricambio, non è nemmeno facile da trovare in giro da qualche trafficante di pezzi recuperati da apparecchi rotti.

Almeno fino a metà novembre, quando ho trovato l'inserzione del suddetto pezzo su ibéi (o e-bay)... ma l'asta si era chiusa il giorno prima!

Fortunatamente il venditore mi ha risposto che si sarebbe interessato per vedere se ne trovava un altro, e alla fine l'ha trovato. Per cui, signore e signori, da venerdì 3 dicembre il televisore funziona di nuovo. E dirò di più: anche il digitale terrestre funziona bene (qua la trasmissione analogica l'hanno spenta il 2 dicembre) sebbene al momento dell'acquisto ci abbiano "regalato" un decoder esterno adducendo la scusa che quello interno non andava bene1...

Nel frattempo la tecnologia si è evoluta, siamo passati dall'HD ready (che non homai capito cosa significhi di preciso) al FULL HD (immagine composta da 1.920 per 1.080 punti) e ora siamo al 3D (predisopsti al tridimensionale). Tuttavia per l'uso che ne faccio io basta e avanza quello che avevo già.

Alla faccia di quei bavosi della SAMSUNG e del consumismo in generale.

--*--

1. Lo so io cosa non andava bene, anche se passo da antigovernativo: il televisore pur avendo il decoder non aveva il common acsèss modiul (CAM, o modulo di accesso comune, o Common access module), ossia quell'arnese che accetta una carta chip e decodifica le trasmissioni criptate dei canalli ai quali ti abboni (ossia il bel giochino che serve per far pagare il biglietto agli spettatori, un modo di contrastare la televisione satellitare a pagamento). La CAM costa sui 200 euro, mentre un decoder costa molto meno, era incentivato da un apposito decreto e se prendevi un televisore tecnologico te lo appioppavano.

 


Pagina 2 di 3