da PGB, cose serie... e meno serie.
PGB's - serious stuff... & lesser one.

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Blog (weB LOG) Società, cultura e politica Evoluzione dei concetti: GRATIS
Evoluzione dei concetti: GRATIS

Evoluzione dei concetti: GRATIS

E-mail Stampa PDF

pila di euro con scritto grati$ e fr€€Le cose evolvono (o  evoluiscono, come dice il mio professore di elettrotecnica) e anche i significati attribuiti alle parole, a volte mutano. Altre volte però c'è qualcuno che li travisa - più o meno volontariamente - o che vorrebbe farti credere che il loro significato è un altro. Il concetto di GRATIS, per esempio...

Sono cresciuto con l'idea che gratis, o gratuito, significa regalato, senza spesa: una cosa gratis non la paghi e non dai nulla in cambio per averla (sennò sarebbe un baratto). Se invece leggi o ascolti qualche pubblicità o alcune offerte, specie nel campo delle tariffe telefoniche, scopri che le interpretazioni sono diverse (e sbagliate...).

Per citarne due o tre:

1) mi paghi un fisso e telefoni gratis tutto il mese. Ma quale GRATIS? Se ti ho pagato, per quanto poco, sebbene il costo per telefonata tenda a zero per il numero di telefonate che tende ad infinito, ti ho pagato e zitto. Semmai è una "tariffa piatta", o flèt (flat), se vi piace di più;

2) paghi per intero un mese e il mese dopo telefoni gratis per l'equivalente dell'importo del mese precedente. Ma quale GRATIS? Se il mese prima devo telefonare per maturare il bonus?;

3) non paghi la telefonata ma lo scatto alla risposta sì (e poi, di solito, anche l'opzione per attivare la promozione). Ma vi pare GRATIS? A me no.

Il bello (?) è che un sacco di persone, specie quelle meno informate o un po' più avanti con gli anni, ci cascano come le pere mature cadono dall'albero. Occhio (disse il guercio), che dopo le pubblicità e promozioni a caratteri cubitali con postille (che contengono la fregatura) illeggibili anche col microscopio a scansione elettronica, la nuova frontiera è stravolgere i significati delle parole (e non solo nel commercio, purtroppo!).

Tanto per restare in tema di telefonia, da poco due compagnie sono state multate1 dall'ACGM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e dall'AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle COMunicazioni) per pubblicità ingannevoli e nel primo caso anche attivazione non richiesta di servizi con avviso via SMS. Su soffiata di una terza compagnia2 (fonti www.hwupgrade.it, articolo 1 ed articolo 2).

La prima compagnia ha inviato agli utenti "prepagati" un SMS con testo "Attivato Flat Day fino alle 24”  senza aver chiesto il consenso né specificato la tariffa di attivazione di 1 € per 5 Mbàit (megabyte) di traffico fino alle 24 (riterrei più corretto "entro le"). A parte il prezzo da ladri, vi pare GRATIS?

Lo spot della seconda compagnia invece recita: "Guardati intorno. Con VxxxxxxE, Internet è ovunque. Da oggi collegarti col tuo computer è ancora più facile grazie alla nuovissima Internet Key. E se ti abboni è gratis”, accompagnato da una scritta  “VxxxxxxE internet Key 7.2 mega”. Peccato che a caratterini in basso appaia il messaggio “Velocità riferita al terminale. A breve disponibile anche sulla rete UMTS VxxxxxxE (mi ricorda la storia del secchio e dei circalitri, clicca qui per aprirla).

Inoltre la chiavetta è "agratisse" un bel paio di zeri... altra scritta a caratterini: “Offerta con vincolo di 24 mesi con corrispettivo per recesso anticipato”, che guardacaso è di 199 €, il prezzo abbondante della chiavetta... e il costo di 30 € al mese per 100 ore, oltre le quali paghi 2€ l'ora con addebito anticipato.

PROPRIO GRATIS, SI'! La presa per i fondelli soprattutto.

Oggi (ma anche ieri) nessuno dà niente per niente (che come diceva QUELO, "sarebbe tempo sprecato")... A ZEURO (ZEro eURO) si trovano poche cose!

--*--

1. La TIM per 360.000 € e la Vodafone per  300.000 €, cifre simboliche per queste società che di sicuro verranno scaricate sugli utenti in qualche modo.

2. La 3, che in quanto a sotterfugi e schifezze poteva anche starsene zitta...