da PGB, cose serie... e meno serie.
PGB's - serious stuff... & lesser one.

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Blog (weB LOG) Elettronica Mac Baked Pro (o "come cuocere il tuo macbook pro")
Mac Baked Pro (o "come cuocere il tuo macbook pro")

Mac Baked Pro (o "come cuocere il tuo macbook pro")

E-mail Stampa PDF

macbook in fornoPer la rubrica "riuorching fatto in casa" (o reworking, la rilavorazione in generale e in questo caso applicata alle schede elettroniche), in collaborazione con "Cotto e saldato", oggi presentiamo una ricetta per tentare di ripristinare la funzionalità di una scheda elettronica (complessa) che non funziona più, quando la causa potrebbe essere la saldatura difettosa di un componente complesso (con tanti piedini piiiiiiiccoli piiiiiiccoli o addirittura senza piedini, col BGA).

Come titolo ci stava bene anche Mac Book Pro is Back(ed).

Difficoltà: medio/bassa

Tempo di preparazione: un pomeriggio

Occorrente:

  1. un macbook pro che da un momento all'altro non si accende più, preferibilmente fuori garanzia e non coperto da èppolchèar (o applecare, che dir si voglia)
  2. un forno elettrico e relativa teglia (il vassoio che va dentro)
  3. un rotolo di carta stagnola
  4. alcool etilico, cotton fioc, stuzzicadenti e carta assorbente (scottex, rotoloni regina, ...)
  5. pasta conduttiva quanto basta
  6. cacciaviteria varia (almeno un cacciavite a stella piccolo e uno a stella esagonale o torque, che però gli americani chiamano Fillips o Phillips)

Preparazione (per una guida migliore e più approfondita guardate qua: http://www.ifixit.com/Browse/MacBook_Pro e in particolare http://www.ifixit.com/Guide/MacBook-Pro-15-Inch-Core-2-Duo-Models-A1226-and-A1260-Logic-Board-Replacement/681/1. Però è in...glese. Le foto le ho cuccate da loro, poi le ho elaborate.):

Si prende il macbook, nel mio caso un macbook pro da 15,6 pollici, penultima versione (non a corpo unico, unibàdi o unibody che diri si voglia). Si sconnette l'alimentatore e si toglie la batteria. Si svitano tutte le viti "esterne": ce ne sono 14, 4 sui lati destro e sinistro, 4 sul fondo e due sul lato posteriore.

 

viti esterne

Poi si passa a quelle del comparto batteria: ce ne sono 5, tre sul coperchio della ram e 2 sul lato frontale del vano. Si solleva il coperchio della ram e si svitano le prime due viti tipo torque (stella esagonale). A questo punto si è svincolata la parte superiore del portatile, quella col tappetino (il mauspàd, o mouse pad che dir si voglia) e la tastiera.

 

viti interne

Si solleva il suddetto "coperchio", prestando attenzione al connettore piatto (o flèt) che la collega alla scheda principale, o logicbord (son fantasiosi alla èppol). Si disconnette il connettore dalla scheda dopo aver staccato la pellicola di mailar (gialla) che ne rinforza l'adesione (o grip). Il connettore è del tipo a pressione, per cui va sollevato con decisione, ma non troppa da fracassarlo.

connettori parte 1

Si disconnettono tutti i rimanenti connettori dalla scheda principale e poi si svitano tutte le viti: ce ne è qualcuna torque e qualcuna a stella, molte cromate e qualcuna nera. Non vi dico quante sono, tanto quando l'ho rimaontato me ne è avanzata qualcuna...

connettori parte 2

Ancora connettori, viti, ventole di raffreddamento...

connettori parte 3

E dulcis in fundo... si estrae la scheda e poi si staccano tutte le varie parti in plastica che potrebbero fondere in forno (in particolare i supporti neri ed altro).

dulcis in fundo

Si pulisce la pasta conduttiva "vecchia" dai processori della scheda principale e dalle piazzole della pompa di calore sil corpo del portatile. Si utilizzano alcool, cotton fioc, stuzzicadenti e carta assorbente. Tenere presente che bisogna pulire bene perché residui di pasta conduttiva a contatto con parti metalliche le mettono in corto circuito (cioé: se poi qualcosa non funziona bene potrebbe dipendere da questo. Ma già non funziona...)

Si prende la teglia del forno e si ricopre con un velo di alluminio. Si preparano 4 palline di carta stagnola di diametro di circa due centimetri e si schiacciano un po' per evitare che rotolino.

Si dispongono le quattro palline in modo che facciano da supporto alla scheda principale e ci si appoggia sopra la scheda con i processori rivolti verso l'alto.

la scheda pronta ad essere infornata

Si accende il forno a 200 °C e si aspetta che sia caldo.

Quando il forno è caldo, si inforna la scheda per qualche minuto (io ce l'ho tenuta 7 minuti e 30 secondi). In giro dicono di non tenerla più di 10-12 minuti perché poi alcune parti iniziano a fondere. D'altro canto bisogna tenercela il tempo necessario a ravvivare le saldature.

A cottura ultimata si estrae la scheda e la si lascia raffreddare (almeno 10 minuti).

Infine si spalmano i processori di pasta conduttiva e si rimonta tutta la baracca. ATTENZIONE a non fare cader la pasta su parti che non devono essere in contatto!!!

Se siamo stati fortunati, il portatile si rianima e avremo la scocciatura di dover reimpostare la data e l'ora e lo sfondo (del resto nell'operazione si sono sconnesse anche le batterie tampone).

 

schermata al riavvio del MBP (mèc bùc pro)

Note:

  1. Questo procedimento dovrebbe funzionare con tutte le schede elettroniche che hanno lo stesso problema. E' indicato quindi per schede video, schede madre, ...
  2. Purtroppo l'operazione non è definitiva, dura qualche mese. Se avete avuto culo siete stati bravi, vi durerà più a lungo.
  3. Se e quando la scheda si ri-rompe si ripete la procedura, magari aumentando di qualche decina di secondi il tempo di cottura (sempre senza esagerare).

--*--

Ho trovato diverse persone che hanno messo in forno il mac e vari video su iutiub (o youtube che dir si voglia, qua: http://www.youtube.com/results?search_query=macbook+repair&aq=f). Uno degli articoli più completi che focalizza anche sulle difficoltà di chi non è troppo pratico di elettronica, l'ho trovato qua (http://russell.heistuman.com/2010/04/27/cooking-the-books-or-baking-my-macbook-pro-logic-board/). Il proprietario del portatile l'ha cucinato 6 volte!!!