da PGB, cose serie... e meno serie.
PGB's - serious stuff... & lesser one.

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Blog (weB LOG) Società, cultura e politica La pràivasi (o privacy) e le emergenze
La pràivasi (o privacy) e le emergenze

La pràivasi (o privacy) e le emergenze

E-mail Stampa PDF

He-Man dei Masters che invoca la privacy

Questa è forte... e soprattutto non è una barzelletta! Oggi pomeriggio, in clima rilassato e distensivo, giunge una telefonata a casa dei miei, dove stiamo trascorrendo le feste, alla quale risponde mia mamma e sente una voce roca, da vecchietta, che dice "aiutatemi!". Mentre mia mamma chiede chi è, che succede etc. cade la linea (o riattaccano).

Problema numero uno: i miei non hanno il servizio di visualizzazione del numero di chi effettua la chiamata, quindi non si può rintracciare chi ha chiamato (il loro gestore è Telecom...).

Che si fa? Si prova col 400, che ti dice il numero di chi ti ha chiamato per ultimo. A patto che tu non abbia risposto. E quindi niente!

Allora? Si prova il 187. E poi? Entra in funzione il centralino automatico. Selezioni una serie di opzioni a caso e ti dicono che sarai servito in almeno 4 minuti (si fa in tempo a morire...). Quando poi ti rispondono, non possono risolvere il problema, perché - guarda un po' - c'è la pràivasi (o privacy, o riservatezza)!

E cioè che "lui (operatore telefonico) non può essere sicuro che io sia il titolare della linea e quindi non mi può fornire dati sulle chiamate violando quindi la riservatezza". E fin qui sarebbe anche giusto, tanto più che per l'appunto la linea è intestata al mi' babbo.

Nemmeno se qualcuno chiede aiuto o è una emergenza? NO!

Per esempio: la scheda del cellulare che uso io è intestata sempre al mi' babbo, ma quando mi chiamano per cambiare tariffa, per passare alla megaoffertacasatuttoincluso scommetto che se acconsento non mi fanno tante pippe con la pràivasi!

Al prossimo che me lo chiede gli dirò che per la pràivasi non mi devono nemmeno telefonare perché non possono essere sicuri che al telefono risponderà il titolare della scheda (tipo He Man dei Masters: "per il potere della Pràivasi"...). Oppure, quando a casa mi chiama la Telecom per cercare di "riconquistarmi" come cliente e risponde mia moglie le farò dire di non rompere per la pràivasi...

E non è finita qua: il centralinista, comunque cordiale e disponibile mi ha suggerito di chiamare i carabinieri perché loro possono scoprire chi mi ha chiamato.

Quindi "li telefono" e cosa mi rispondono? Che è troppo complicato, non possono fare nulla ma di provare col 1181 (???), anzi me lo passano direttamente loro.

Il resto della storia sono una chiacchierata surreale con il centralino del 118, che ovviamente non poteva fare nulla di nulla per aiutarmi e i dubbi su chi possa aver avuto bisogno di aiuto, se è ancora vivo, se avremmo potuto aiutarlo.

Spero solo che chi ha telefonato chiedendo aiuto stesse facendo uno scherzo di pessimo gusto.

A proposito, non per fare pubblicità, ma i miei (che sono ancora fedeli della Telecom Italia...) pagano al mese più di quanto pago io con Infostrada e non hanno compresi nel canone servizi ormai diffusi come la visualizzazione del numero di chi chiama.

Bella roba! E pensare che mi telefonano spesso per chiedere se voglio ridiventare loro cliente (offrendo meno servizi e pagando di più! Chi potrebbe resistere?).

--*--

1. mi spiace, ma in questi casi si comportano proprio come i carabinieri delle barzellette...